Nichelatura chimica dei metallli

p>La placcatura elettrolitica, nota anche come elettrodeposizione, sta diventando un processo sempre più diffuso per una varietà di diverse applicazioni nella produzione. L’elettro-nichelatura è un processo che utilizza una corrente elettrica per rivestire un materiale conduttivo con un sottile strato di nichel. Altri metalli utilizzati per la galvanica sono: l’acciaio inossidabile, il rame, lo zinco e il platino.

Vantaggi dell’elettro-nichelatura
In generale, la placcatura elettrolitica migliora un’ampia gamma di caratteristiche non intrinsecamente presenti nel materiale di base. Alcuni di questi vantaggi includono: una maggiore resistenza alla corrosione, una migliore durezza, una forza superiore, una resistenza all’usura e una maggiore duttilità. Il nichel è considerato utile per il metallo galvanico perché fornisce duttilità, resistenza alla corrosione e durezza superiore. La placcatura elettrolitica può anche migliorare la luminosità e l’aspetto esteriore di un prodotto. Diverse sostanze chimiche per la nichelatura incorporate nel processo, forniscono un effetto cosmetico semi lucido, completamente brillante, finiture opache, perlate o satinate.

Come funziona l’elettro nichelatura
Per trasferire correttamente il nichel sulla superficie di un prodotto, è necessario applicare una carica negativa al materiale di base. Per ottenere ciò, il prodotto è generalmente collegato ad un raddrizzatore, a una batteria o ad altra alimentazione tramite un cavo conduttivo. Una volta collegato, una barra di nichel è collegata in modo simile al lato positivo del raddrizzatore o della fonte di alimentazione. Una volta completate le fasi iniziali, il materiale di base viene immerso in una soluzione che presenta un sale con un trucco chimico, incluso il metallo elettrolitico. Con la placcatura elettrolitica, questa soluzione consiste in acqua e sale di cloruro di nichel. A causa della corrente elettrica presente nella soluzione, il sale di cloruro di nichel si dissocia per gli ioni cloruro negativi e gli ioni catelici positivi. La carica negativa del metallo base attrae quindi gli ioni di nickel positivi, mentre la carica positiva della barretta di nicke
l attira gli anioni cloruro negativi. Attraverso questa reazione chimica, il nichel nella barra si ossida e si dissolve nella soluzione. Da qui, il nichel ossidato viene attratto dal materiale di base e successivamente ricopre il prodotto.

Densità di corrente nel processo di elettro nichelatura
La placcatura elettrolitica coinvolge un’ampia gamma di livelli di densità attuali. La densità di corrente determina direttamente la velocità di deposizione del nichel sul materiale di base, in particolare, maggiore è la densità di corrente, più rapida è la velocità di deposizione. La densità di corrente, tuttavia, influenza anche l’aderenza alla placcatura e la qualità, con livelli di densità di corrente più elevati che forniscono risultati più scadenti. Pertanto, il livello ottimale di densità di corrente dipende dal tipo di materiale di base e dal tipo specifico di risultati richiesti dal prodotto finale. Un modo per evitare di lavorare a densità di corrente inferiori consiste nell’utilizzare una corrente continua discontinua alla soluzione di elettrodeposizione. Un’altra soluzione al problema della densità di corrente riguarda l’incorporazione di uno
strato di attacco al processo di elettro-nichelatura iniziale. Uno strato di attacco, noto anche come strato flash, aderisce al materiale di base con un sottile strato di nichelatura di alta qualità. Quando metalli diversi richiedono la placcatura del materiale di base del prodotto, si può usare l’incisione.

Processo di pre-trattamento per elettro-nichelatura
Il corretto pre e post-trattamento del prodotto di base ha una correlazione diretta con la qualità e il tasso di deposizione della placcatura elettrolitica. Per contribuire a garantire un’adesione uniforme e di qualità, la preparazione chimica o manuale comprende i seguenti passaggi:
pulizia della superficie di pre-trattamento, che comporta l’eliminazione di contaminanti attraverso l’uso di solventi, materiali abrasivi, detergenti alcalini, acido acetico, acqua o una loro combinazione. La modifica dell’esterno del prodotto di base, che migliora l’adesione attraverso processi come l’innesco o l’indurimento del metallo.

Per maggiori informazioni su questo particolare processo di nichelatura visita http://www.argosspa.it